Still da “Curious Alice”, VR experience creata dal V&A con HTC Vive Arts, con opere originali di Kristjana S Williams, 2020
meanwhile

Le notizie dell’arte di questa settimana

di Redazione - Ottobre 26, 2020

Il documentario su JR in anteprima al festival “Lo Schermo dell’Arte”. Sarà presentato in anteprima italiana al festival fiorentino di cinema e arte contemporanea, il documentario “#JR” dedicato all’omonimo artista francese.
Egli stesso autore di opere cinematografiche come “Visages, Villages”, JR – classe 1983 – è questa volta diretto dai registi Serge July e Daniel Ablin che in collaborazione con l’artista hanno ricostruito le tappe principali della sua carriera focalizzandosi sugli interventi monumentali realizzati in giro per il mondo, da New York alla Palestina, da San Gimignano -dove è ora in mostra alla Galleria Continua- fino alla Cina.

 

Tine Bek, Apollo on the Stairs, 2019, Palazzo Monti

Gli artisti di Palazzo Monti in mostra al MANA di Jersey City. Si intitola “Transatlantico” la grande collettiva che raccoglie 130 artisti provenienti dalle residenze di Palazzo Monti. Palazzo Monti nasce nel 2017, a Brescia, per volere di Edoardo Monti che, dopo aver trascorso qualche anno negli Stati Uniti, torna in Italia con l’intento di ridare vita all’antico palazzo di famiglia. Ne nasce un luogo di incontri, esposizioni e residenze – che in tre anni hanno visto avvicendarsi 150 artisti – ora celebrati dal MANA fino all’aprile del 2021.


Alice nel Paese delle meraviglie in realtà virtuale al V&A di Londra. Dalla tana del Bianconiglio ai funghi psichedelici, dai fenicotteri alla Regina di Cuori, Wonderland è il mondo perfetto da esplorare con la realtà virtuale. La pensano senz’altro così al Victoria & Albert Museum di Londra che presenta la mostra dedicata ad Alice nel Paese delle Meraviglie, che si terrà a marzo 2021, con un evento in realtà virtuale. L’esperienza, che presenta opere originali dell’illustratrice islandese Kristjana S Williams, è scaricabile su VIVEPORT al costo di 5 €.

Collettivo di artisti tedeschi ruba un’opera di Joseph Beuys e la dona a un museo in Tanzania. Il collettivo di artisti Frankfurter Hauptschule afferma di aver rubato una delle opere di Joseph Beuys dal titolo “Capri Battery” del 1985 da una mostra a Oberhausen, in Germania e di averla donata a un museo della Tanzania come parte di un “atto simbolico di restituzione all’ex colonia tedesca”.
Il quotidiano Süddeutsche Zeitung riferisce che il lavoro mancante di Beuys “è passato inosservato” per giorni. Le 200 opere esistenti facenti parte della “Capri Battery” si trovano in importanti istituzioni in tutto il mondo tra cui il Museum of Modern Art di New York.
Il collettivo ha documentato il “furto” in un video, visibile su Youtube.

Arscode, il gioco dell’arte contemporanea. Una bellissima idea nata dalla mente di Diego Santamaria, fondatore della rivista Espoarte. Un gioco da tavola che mette insieme tutti i protagonisti del mondo dell’arte – artisti, collezionisti, curatori, critici – e le sue dinamiche – le aste, gli eventi. Scopo del gioco è raccogliere la collezione d’arte di maggior valore, favoriti o ostacolati dalle “carte azione” pescate dai giocatori nel corso della partita.
Per contribuire alla realizzazione del progetto è stata avviata una campagna di crowdfunding cui potete accedere a questo link.