JR, Omelia contadina, installation view_ph. Nicola Gnesi
meanwhile

Art news weekly: cos’è successo nel mondo dell’arte questa settimana

di Redazione - Settembre 28, 2020

La mostra di Philip Guston rinviata al 2024 | Sospese le domeniche gratuite al museo | “Comedian”, la banana di Maurizio Cattelan entra al Guggenheim | Le nuove mostre della Galleria Continua 

La mostra di Philip Guston rinviata al 2024. Dopo un primo rinvio al 2021, causato dalla pandemia, una delle mostre più attese dal mondo dell’arte – la retrospettiva su Philip Guston organizzata dalla National Gallery of Art di Washington DC, dalla Tate Modern di Londra, dal Museum of Fine Arts di Boston e dal Museum of Fine Arts di Houston – è stata ulteriormente posticipata di quattro anni, al 2024.
Lunedì scorso, la National Gallery ha pubblicato una dichiarazione congiunta firmata dai direttori di tutti e quattro i musei destinati ad ospitare la mostra in cui si afferma che la mostra è rinviata “fino al momento in cui pensiamo che il potente messaggio di giustizia sociale e razziale che è al centro del lavoro di Philip Guston possa essere interpretato più chiaramente.”

Philip Guston, Painting, Smoking, Eating, 1972

Sospese le domeniche gratuite al museo. È stata pubblicata sabato in Gazzetta Ufficiale l’ordinanza del Ministero della Salute che sospende le domeniche gratuite al museo. “Il provvedimento è stato preso, recita il comunicato del Mibact, a seguito della segnalazione da parte del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo della necessità, in attuazione delle misure di riduzione e contenimento del rischio connesso all’emergenza sanitaria da Covid-19, di sospendere l’efficacia delle disposizioni regolamentari sull’accesso gratuito ai musei […] la prima domenica del mese. L’ordinanza del Ministero della Salute è motivata in considerazione dell’evolversi della situazione epidemiologica a livello internazionale”.

La Gipsoteca di Antonio Canova, Possagno_ph. Matteo Maretto

“Comedian”, la banana di Maurizio Cattelan entra al Guggenheim. L’ultima opera dell’artista padovano che tanto scalpore aveva suscitato quando era stata esposta nel padiglione della galleria Perrotin ad Art Basel Miami è stata donata al museo da un donatore anonimo.
Fun fact: gli attuali proprietari dell’installazione, tra cui rientra ora anche il Guggenheim, sono tenuti a fornire frutto e nastro adesivo per continuare a far “vivere” l’opera. La cifra a sei cifre pagata (120 mila euro) è effettivamente il prezzo del certificato di autenticità accompagnato da un manuale di istruzioni che specifica l’angolo e l’altezza a cui affiggere la banana al muro.

Maurizio Cattelan, Comedian, 2019

Le nuove mostre della Galleria Continua. Hanno aperto sabato 26 settembre le tre mostre personali di Daniel Buren, JR e Michelangelo Pistoletto alla Galleria Continua di San Gimignano.
Presentato per la prima volta in Italia, il film di Daniel Buren “Fuori tempo, a perdita d’occhio”, è un’opera della durata di 6 ore e 24 minuti: una sorta di retrospettiva in forma di film in cui l’artista francese torna indietro sulle tappe del suo lavoro, dall’inizio fino al 2018.
“Omelia Contadina” è invece il titolo dell’ultimo film di JR, un cortometraggio realizzato con la regista italiana Alice Rohrwacher presentato in anteprima alla 77a Mostra Internazionale del Cinema di Venezia (2020) e che mira a scongiurare la scomparsa della cultura rurale tradizionale. JR elabora questo tema nella sua personale a San Gimignano attraverso una serie di lavori fotografici realizzati su vetro, carta e gesso, insieme a un’installazione site specific.
Pistoletto presenta una nuova serie di quadri specchianti i cui protagonisti sono persone svestite, colte nella bellezza della loro diversità e della loro unicità.