BienNoLo, Ex Laboratorio Panettoni F.lli Cova, ph.Fabrizio Stipari
meanwhile

Anche Milano ha la sua biennale: BienNoLo

di Alessia Delisi - Marzo 5, 2019

Nel vivace distretto a nord di piazzale Loreto, la prima edizione della biennale d’arte contemporanea BienNoLo si prepara a valorizzare un quartiere in trasformazione, puntando su progetti effimeri, capaci di interpretare il nostro tempo e scongiurare la madre di tutte le paure: quella della diversità.

NoLo, il multietnico quartiere milanese a nord di piazzale Loreto, si veste di arte contemporanea. Dal 17 al 26 maggio infatti, negli spazi dell’ex Laboratorio Panettoni Giovanni Cova, si terrà la prima edizione della biennale d’arte contemporanea BienNoLo. Ideata dall’attore, autore e critico d’arte Carlo Vanoni, che ne è anche curatore insieme ad ArtCityLab (Rossana Ciocca e Gianni Romano) e al giornalista Matteo Bergamini, la manifestazione intende presentarsi come un evento effimero, centrale e periferico insieme, in cui a trovare spazio siano temi legati alla sostenibilità dei progetti esposti e della stessa arte contemporanea. Un’occasione, in altre parole, per coinvolgere il quartiere e la cittadinanza in una serie di iniziative capaci di formalizzare l’identità creativa di questo vivace distretto.

BienNoLo, Ex Laboratorio Panettoni F.lli Cova, ph.Fabrizio Stipari

«NoLo è un’area metropolitana prototipo di comunità che accoglie, si integra, si inventa modi di stare insieme, si riappropria degli spazi per vivere in un quartiere che ha già mutato pelle: da area disagiata a meta di giovani e creativi. È qui che abbiamo pensato di mettere in scena la prima biennale milanese», spiega non a caso Carlo Vanoni. Il tema da lui scelto per questa edizione è “#Eptacaidecafobia”, parola di origine greca che suona come uno scioglilingua, ma che significa invece paura del numero 17 e allude simbolicamente alla messa in scena di una fobia contro qualsiasi tipo di paura. Per realizzarla, la manifestazione punta sulla luce naturale, inserendo le opere in uno spazio espositivo destinato a diventarne, seppur per breve tempo, elemento strutturale e avvalorando in questo modo quel concetto di transitorietà e trasformazione che tanta parte ha nell’attuale produzione artistica.

BienNoLo Ex Laboratorio Panettoni F.lli Cova ph. Sara Rossi

In preparazione a BienNoLo, un ricco calendario di appuntamenti animerà il quartiere: Carlo Vanoni spiegherà Marcel Duchamp e Lucio Fontana alle pensiline della fermata della 56 di via Padova, Matteo Bergamini insegnerà a fare giornalismo d’arte, Gianni Romano proporrà un breve excursus sulla figura del curatore basata sul suo libro “Become a curator” e Sara Rossi porterà gli abitanti del quartiere a fotografare la natura nascosta in città. Tra le attività collaterali vale poi la pena segnalare il progetto dell’artista Ivana Spinelli che al Parco Trotter–Scuola all’Aperto organizzerà letture in diverse lingue dello “Statuto dei Lavoratori”. Infine, negli anni in cui non avrà luogo la biennale, si terrà il “Premio BienNoLo”, un concorso per artisti emergenti e affermati volto alla produzione di un’opera per il quartiere.